La Giornata dei lebbrosi per l'opera di Caterina Savini in Zimbabwe

La diocesi celebra domenica 31 gennaio la 63° Giornata mondiale dei malati di lebbra che ha come tema “Vivere è aiutare a vivere”.

La Giornata viene proposta per far conoscere e aiutare in particolare l’opera costruita dalla missionaria Caterina Savini, che per 53 anni in Africa si è dedicata alle persone bisognose soprattutto i malati di lebbra. Attualmente Caterina vive nel suo paese d’origine, Rocca San Casciano ma ritorna periodicamente in Africa per seguire e portare aiuti al centro Ruwarashe Trust e alla scuola professionale Santa Bakhita, inaugurata dal vescovo di Forlì-Bertinoro, mons. Lino Pizzi nel 2011. Il centro è a servizio delle persone povere, portatrici di handicap o affette da lebbra che vengono aiutate con progetti di autogestione per insegnare loro un mestiere renderle economicamente autonome e reintegrarle nel loro ambiente e la scuola prepara giovani sarti e calzolai che, nonostante le loro disabilità, possono reinserirsi nella vita delle loro comunità.



VEDI ANCHE: