L'ultimo saluto a don Varo Mingozzi parroco a Roncadello per quasi 50 anni

Torna per l’ultimo saluto a Roncadello, dove è stato parroco per quasi 50 anni, don Varo Mingozzi, morto il 27 ottobre, a 90 anni, nella Casa del clero nel seminario di via Lunga. Sarà il vescovo, mons. Lino Pizzi, a presiedere i funerali che si svolgeranno alle 15 nella chiesa parrocchiale.

Originario di Villafranca, dove era nato il 14 settembre 1924, don Varo era stato ordinato sacerdote a Forlì il 27 giugno 1948 da mons. Giuseppe Rolla. Fino al 1954 era stato cappellano, prima a Magliano poi a Villafranca: “Nella mia parrocchia d'origine - raccontava don Mingozzi nel giugno 2008 celebrando il 60° di ordinazione sacerdotale - ero collaboratore dell'indimenticabile don Luigi Zattini che ha formato durante il suo ministero ben 4 preti. Mi accolse a Villafranca dicendomi: siamo poveri ma il Signore ci aiuterà almeno ad essere bravi sacerdoti”. Nel 1954 fu nominato parroco di Chiesuola di Russi: “Lì trovai gente povera e laboriosa, che si muoveva sempre in bicicletta, con il pranzo nella sporta, uomini e donne, al lavoro fino a tarda sera e con la quotidiana nebbia per tutto l'inverno. Mia mamma commentò che aveva visto tanta povertà, ma non come questa dove non c'erano neanche i soldi per comprare il pane. Eppure quanto mi è costata la partenza da quelle persone”. Nel 1961 infatti don Varo fu trasferito da Chiesuola a Roncadello e nei 48 anni di ministero parrocchiale favorì lo sviluppo dell'Azione Cattolica, inaugurò la scuola materna, curò la devozione alla Madonna e ai Santi, in particolare ai patroni, gli Apostoli Pietro e Paolo, ai quali sono stati intitolati il piazzale della chiesa e la scuola materna e a San Massimiliano Kolbe a cui stato dedicato un monumento. Don Varo è stato anche insegnante per 33 anni nelle scuole medie e in seminario, dove fu anche padre spirituale ed economo e dal 1991 fu nominato anche amministratore parrocchiale di Malmissole. Canonico onorario della Cattedrale è stato assistente ecclesiastico dell'Apostolato della Preghiera.

Il 29 giugno 2008 i parrocchiani di Roncadello e Malmissole avevano festeggiato con lui i sessant'anni di sacerdozio: “E’ stato così grande il Signore con me, quante gioie mi ha dato - aveva affermato in quella occasione don Varo - forse, esaminandomi un po', devo riconoscere che ho lavorato troppo ma mi sono santificato poco”. Nel 2009 aveva lasciato la parrocchia e si era ritirato nella Casa del clero in seminario continuando a prestare servizio nella parrocchia di San Giovanni Evangelista come collaboratore di don Erio Castellucci, originario di Roncadello, cresciuto con don Varo che lo accompagnato all’ordinazione sacerdotale. E sarà proprio don Erio, uno dei tanti sacerdoti che ha concelebrato la messa esequiale, a tenere il ricordo funebre del suo parroco.

Al termine la salma sarà tumulata nel cimitero parrocchiale di Roncadello.