Lapide posta all'ingresso della Casa della Carità in via Frangipane a Bertinoro

Festa della Casa della Carità "Beata Vergine del Lago" domenica 15 a Bertinoro

La Casa della Carità di Bertinoro celebra domenica 19 novembre il suo 36° compleanno: alle 11, all’interno della casa messa celebrata da don Enzo Scaioli, vicario episcopale per la carità. Al termine pranzo comunitario con la partecipazione della Banda di Bertinoro.

La Casa della Carità fu inaugurata il 14 novembre 1981 a Casa Bassetti in via Oberdan: “Quella sera io e due suore – raccontava don Luigi Pazzi, fondatore della casa, morto improvvisamente nel 215 - andammo a prendere il primo ospite. Abbiamo voluto che questa opera fosse della parrocchia e non solo nella parrocchia e vogliamo che sia un segno per tutti, una palestra dove si esercita la fede è una scuola dove tutti, sani e malati, imparano dalla testimonianza reciproca Ci muove la coscienza della comunità cristiana, che mons. Prandi ci ha insegnato, alimentata dai “tre pani” la parola di Dio, l’eucarestia e la carità”. Nel 2001 è stata inaugurata la nuova sede della Casa della Carità sotto la Rocca Vescovile, in via Frangipane, dove oggi vivono 12 ospiti, tre religiose che li assistono, suor Paola Morini, suor Agostina Ghidoni e suor Giuseppina Antignoli e il parroco don Emanuele Lorusso che sta curando anche la realizzazione di un monumento dedicato a don Luigi Pazzi. “Appena messo piede in questo luogo d’amore, che va avanti solo grazie alla Provvidenza e al buon cuore della gente e dei volontari che affiancano le suore nella cura degli ospiti, ho percepito la grandezza spirituale di don Luigi e del suo lavoro. Lo spirito del fondatore delle Case della Carità, don Mario Prandi, e dello stesso don Luigi, è sempre vivo”.