Don Luigi Pazzi un anno dopo: Bertinoro lo ricorda nel 1 anniversario

E’ trascorso un anno dalla morte improvvisa di mons. Luigi Pazzi, avvenuta il 7 ottobre 2015, che aveva lasciato tutto il paese di Bertinoro e la diocesi intera senza parole, come storditi. Tantissime persone avevano partecipato ai suoi funerali nella Cattedrale, accanto alla Colonna dell’Ospitalità che lo aveva visto parroco per quasi quarantacinque anni. Don Pazzi è stato sepolto a San Savino, suo paese d’origine, e alla sua tomba si recano regolarmente amici e parrocchiani per pregare e continuare così quel rapporto che li aveva tenuti legati tanti anni.

Mons. Pazzi era arrivato come parroco a Bertinoro nel 1971, dopo gli studi di teologia a Roma, l’ordinazione sacerdotale nel 1962, i primi impegni in diocesi come cancelliere in Curia, insegnante di religione alle magistrali di Forlimpopoli e parroco a Selbagnone.

Aveva allora iniziato una intensa attività con i giovani ai quali propose anche campi di lavoro per aiutare l’opera di Pina Ziani, di Annalena Tonelli e di altri missionari. Poi avvenne l’incontro a Fontanaluccia di Reggio Emilia con l’esperienza di mons. Mario Prandi, fondatore delle Casa della Carità che incoraggiò ad aprirne una anche a Bertinoro.

Dopo due anni di lavoro per sistemare Casa Bassetti il 14 novembre 1981 fu inaugurata la Casa della Carità intitolata alla Beata Vergine del Lago. “La casa è sorta - raccontava don Pazzi - non perché la volevo io, ma perché i ragazzi partivano da un esercizio di attenzione, di carità, di solidarietà e di condivisione verso gli altri. Questa sensibilità poi si tradusse in un’attenzione verso la casa”.

Nel 2001 fu inaugurata la nuova sede in via Frangipane che ospita anche le sale per il catechismo e le attività parrocchiali e dove la vita scorre sotto lo sguardo attento e la cura di suor Paola e suor Agostina e dei volontari.

Don pazzi accolse alla Casa della Carità anche personaggi illustri come il card. Jean Louis Tauran, presidente del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso e la regina Paola del Belgio.

Il 7 ottobre primo anniversario

Bertinoro ricorderà don Pazzi venerdì 7 ottobre con la messa che sarà presieduta dal vescovo mons. Lino Pizzi alle 20 nella Concattedrale.

Al termine della messa il ricordo del fondatore della Casa della Carità “Beata Vergine del Lago” continuerà con le testimonianze di don Aldo Budelacci parroco di San Pietro di Forlimpopoli e compagno di studi di don Pazzi al Seminario Romano e del prof. Riccardo Lanzoni accompagnati dalle musiche eseguite all’organo dal M° don Rino Giunchi.

Lo stesso giorno, alle 15.30, don Emanuele Lorusso, parroco di Bertinoro guiderà la recita del rosario alla tomba di don Pazzi a San Savino di Predappio.