Centri estivi: lettera di mons. Corazza e Nota dei Vescovi dell'Emilia-Romagna

 

 

 

Lettera mons. Corazza

 

Nota dei Vescovi Ceer

 

 

 

 

Continua il lavoro di verifica delle parrocchie in vista dell’apertura degli oratori estivi. Dopo la lettera che il Vescovo ha scritto sull’argomento, giovedì 21 maggio parroci e operatori di pastorale giovanile si sono incontrati online per essere aggiornati sullo stato della questione. “Le proposte educative della Diocesi durante l’estate sono un punto di riferimento importante - ha affermato don Andrea Carubia, responsabile del Centro diocesano di pastorale giovanile - lo confermano i numeri che vedono ogni anno circa 6000 presenze tra ragazzi e adulti coinvolti. Con questa coscienza e questa serietà continuiamo a prepararci. Dobbiamo immaginare una estate completamente nuova, cambiando mentalità”.

“Vorrei caldeggiare l’apertura degli oratori già dall’estate - ha aggiunto il vescovo, mons. Livio Corazza – abbiamo dimostrato responsabilità nella chiusura, facciamolo anche nell’apertura. Questo sarà anche un banco di prova per la riapertura delle attività pastorali dopo l’estate, aiutiamoci ad offrire questo servizio e questa testimonianza”. Rispondendo alle tante domande don Carubia ha illustrato le norme, non ancora pienamente definite, secondo le quali deve essere organizzato l’oratorio estivo con piccoli gruppi, che non interagiscono tra loro, guidati da un maggiorenne, mantenendo le distanze e le protezioni di sicurezza. Gli adulti che operano al centro estivo dovranno frequentare il corso di formazione organizzato dal Comune.